sabato 12 gennaio 2013

IDolphin

Qualche giorno fa, grazie all’azione virale che caratterizza i social network, ho scoperto una specie nuova. Nuova per me, si intende. 


Prima di vedere questa immagine ignoravo l’esistenza di questo mammifero incredibile e straordinariamente elegante.
Si tratta di un delfino australe, della specie Lissodelphis peronii. 
Ma perchè questa foto ha fatto rapidamente il giro del web? Perchè raffigura un animale poco conosciuto, di rara bellezza, con una straordinaria livrea ed una forma incredibilmente idrodinamica del corpo. Un design pulito, elegante, essenziale, che piace all’osservatore. Questo mammifero, che sembra disegnato dai tecnici della Apple, contiene ogni caratteristica individuata da Steve Jobs nello studio di una “morfologia” pulita ed accattivante, capace di cogliere il piacere ed il senso estetico dei consumatori. Linee slanciate, assenza di spigoli vivi, colori eleganti ed essenziali, qualcosa di simile allo stile tedesco della Mercedes nel disegnare automobili e a quello della Braun nel disegnare elettrodomestici.





Questo delfino, o meglio lissodelfino, è una specie solo australe. Il suo habitat occupa tutto l’Oceano Meridionale  fino a toccare le coste dell’Australia, del Sudafrica e delle regioni sudamericane dell’Argentina e del Cile. In quest’ultima regione si spinge straordinariamente a nord fino a toccare le coste del Perù, anche se gli avvistamenti in questa area sono piuttosto rari. 
Le sue dimensioni sono paragonabili a quelle di un uomo e la sua caratteristica tassonomica esclusiva, per l’emisfero meridionale, è l’assenza della pinna dorsale. 
Durante l'osservazione in nuoto superficiale, la livrea a dorso nero, unita all’assenza di protuberanze dorsali lo fa confondere facilmente ad un pinguino.
La colorazione, nera e grigia, è composta da due aree nettamente distinte di variabile estensione, tanto che si possono osservare in natura esemplari quasi completamente neri.
Il mare grigio cristallino e la livrea estremamente regolare dello stupendo esemplare ripreso in fotografia suggerirebbero la ricerca di una mela argentata sul dorso...



Bibliografia

Cetacean Specialist Group 1996. Lissodelphis peronii. In: IUCN 2011. IUCN Red List of Threatened Species. Versione 2011.2

Isaacson Walter, 2011. Steve Jobs. Mondadori.



2 commenti:

  1. Grazie! E' troppo bello e mi stavo chiedendo da alcuni giorni di che specie si trattasse, mi sentivo inadeguata nel non riuscire a metterlo in nessuna delle categorie di mia conoscenza. Come in un giallo si è svelato un mistero. Interessante il tuo parallelismo con gli oggetti graditi all'occhio umano. Non potendo essere la natura a prescindere dall'uomo, ma semmai il contrario, mi viene da pensare che anche i designer esperti di marketing hanno un cuore... presumibilmente naturalistico!

    RispondiElimina
  2. Un cuore inevitabilmente naturalistico, non possiamo non ispirarci alle natura con le sue "infinite forme estremamente belle e meravigliose"... infondo ne siamo parte

    RispondiElimina

ATTENZIONE:
I COMMENTI OFFENSIVI, VOLGARI O PUBBLICITARI VERRANNO ELIMINATI.
I COMMENTI ANONIMI VERRANNO ELIMINATI.