venerdì 5 ottobre 2012

Il nuovo libro: "STORIE DA UNA SCATOLA DI SASSI"



Ciao Emma, cosa fai?
Scrivo…         
Con un sasso?
Sì… non lo sai che i sassi scrivono?

Il titolo “Storie da una scatola di sassi” potrebbe far pensare ad un libro di racconti o di favole ispirate ad una vecchia, polverosa ed infantile collezione di pietre. In parte, se vogliamo, è anche così, ma le storie raccolte non sono invenzioni romanzate, bensì saggi scientifici ispirati o originati da otto sassi, raccolti in giro per il mondo, che nel complesso ci raccontano la Storia Naturale della Terra.
Lo stile adottato è quello Gouldiano del saggio divulgativo all’americana, evidente e riconoscibile già nel primo libro scritto dall’autore anche grazie al tema trattato*. Il medesimo stile si insinua tra le parole e la struttura di questi nuovi saggi fatti di ricerca, citazioni, bibliografia ed esempi pratici. Si tratta di uno stile che ormai caratterizza Persico e che proviene da una formazione letteraria a base di saggistica e di un imprinting didattico-scientifico dovuto alla frequentazione del Museo Naturalistico Paleontologico di San Daniele Po e dell’Università di Parma. I nuovi saggi risultano precisi, puntuali e ricchi di links ma alla portata di chiunque. Evidente, risulta inoltre essere, il metodo da bloggers dell’autore.
L’opera coinvolge un vasto insieme di argomenti trattando dalle meteoriti all’ambra, dai fossili dell’Himalaya alla paleontologia del Po, dall’Appennino alla preistoria dell’uomo fino a giungere ad interrogativi sul suo futuro. Uno sguardo, quest’ultimo, finalizzato a fare il punto sul livello di progresso di conoscenze finora raggiunto e sulle aspettative che attendono l’uomo, o chi per esso, in un futuro prossimo. Sono queste domande, presenti solo nell’ultimo saggio, che a volte rimangono in sospeso, prive di risposte, dove influenze di autori recenti o contemporanei come Aldus Huxley o Michel Houellebecq trovano manifesta collocazione.
Da sempre la storia naturale è stata intesa come il racconto degli accadimenti o della successione faunistica e floristica di specie sul nostro Pianeta; solo da alcuni anni si intende, comprensiva di essa, anche la storia evolutiva e tecnologica dell’uomo. In questa raccolta di otto sassi, cioè episodi di storia naturale, si assiste gradualmente ad un incremento di collegamenti che rendono l’universo un sistema di interazioni dove ogni cosa, trova una giusta collocazione in un equilibrio generale. Come in una sorta di superorganismo ogni particella elementare entra a farne parte, ogni specie svolge un proprio ruolo, ogni evento geologico ha inevitabili conseguenze sul sistema ed il clima, con la sua ciclica evoluzione, si propaga come un respiro.
Questo libro nasce dall’esigenza dell’autore di soddisfare curiosità personali e si rivolge al pubblico selezionando gli interessati e coinvolgendo i disinteressati, proponendo loro una visuale di insieme della vita fatta di ruoli e di bilanci, affrontando le tematiche ambientali più attuali, dal Global Warming all’estinzione delle specie, all’ingerenza antropica, all’evoluzione geologica e biologica, nonché al forzato ridimensionamento della natura e del ruolo umano all’interno dell’universo: l’uomo non è supervisore e padrone dell’Universo, ma elemento paritario agli altri, parte integrante ed inscindibile del sistema.
Un sasso è la maestà della natura in un oggetto di piccole dimensioni, la versione materializzata dell’haiku
giapponese, cioè l’essenza del pensiero e dell’immagine che rappresenta la voce della natura: i sassi sono episodi di storia naturale sussurrati all’orecchio di chi sa ascoltare, esattamente come l’haiku è un sasso lanciato nello stagno della mente di chi ascolta.

*Davide Persico, 2009. Neodarwinismo, l’evoluzione della teoria. Ed. Il Simposio delle Muse, Crema (CR).

Nessun commento:

Posta un commento

ATTENZIONE:
I COMMENTI OFFENSIVI, VOLGARI O PUBBLICITARI VERRANNO ELIMINATI.
I COMMENTI ANONIMI VERRANNO ELIMINATI.